Butcher Brown - THE ITALIAN SOUL BLOG
5732
post-template-default,single,single-post,postid-5732,single-format-standard,qode-quick-links-1.0,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1200,overlapping_content,hide_top_bar_on_mobile_header,columns-3,qode-child-theme-ver-0.0.1,qode-theme-ver-16.5,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive
Butcher Brown

Butcher Brown

Scoprite con noi i Butcher Brown, band jazz funk di Richmond!

Butcher Brown è un collettivo di musicisti originari di Richmond, Virginia (la città che ha dato natali a un certo D’Angelo, per intenderci). La traduzione in italiano dell’espressione butcher brown (“macellaio marrone”) non lascia spazio a fraintendimenti: le vostre orecchie saranno piacevolmente “affettate” da un’orda sonora arricchita da una montagna di groove di ispirazione prettamente jazz, soul e funk, ma anche da una insospettabile anima rock che prende piede spesso e volentieri (loro si definiscono “a garage punk jazz funk band”), soprattutto nell’ultimo disco, The Healer, uscito nel marzo del 2017.

La band è composta dal produttore/tecnico del suono DJ Harrison, dal bassista Andrew Randazzo, dal chitarrista Morgan Burrs, dal sassofonista Marcus Tenney e dal batterista Corey Fonville, attualmente stabile collaboratore della nuova stella del jazz Christian Scott. Tutti i musicisti condividono luogo di provenienza (Richmond, appunto) e una passione sfrenata per la groove music. La solida formazione e l’abilità tecnica dei membri del gruppo fa si che, a differenza di parecchi gruppi appartenenti allo stesso stile, i Butcher Brown siano in grado di spaziare in un’ampia gamma di colori, sfumature e dinamiche; in loro si sente il “peso” (inteso, ovviamente, in senso positivo) della conoscenza della tradizione, cosa che purtroppo viene spesso dimenticata in favore di una “settorialità musicale” esasperata.


I Butcher Brown nascono nel 2012 e cominciano sin da subito a farsi un nome nella scena black della Virginia e in generale della costa est degli U.S.A. Nel 2014 pubblicano il loro primo LP, All Purpose Music, seguito quasi immediatamente da Grown Folk, uscito nel 2015; questi due dischi li mettono definitivamente sulla mappa, anche fuori dagli Stati Uniti. In poco meno di due anni sono stati altri due gli album incisi dal gruppo, tutti registrati nello storico Jellowston Studios di Richmond, loro centro operativo: Virginia Noir, uscito nel luglio del 2016, e il già citato The Healer, dello scorso marzo. Sebbene sia quasi impensabile vedere in futuro questo quintetto nel nostro paese, abbiamo per voi una buona notizia: i Butcher Brown saranno in Europa il prossimo mese di novembre, più precisamente il 16 a Parigi, il 17 ad Amsterdam ed il 18 a Londra. Un ottimo motivo per prendersi una breve vacanza, non credete?

Michele Capasso
assomiki@gmail.com
No Comments

Post A Comment
Or

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.