Gary Burton lascia il mondo della musica - THE ITALIAN SOUL
5220
post-template-default,single,single-post,postid-5220,single-format-standard,qode-listing-1.0.1,qode-social-login-1.0,qode-membership-navigation-over-title,qode-news-1.0,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-child-theme-ver-0.0.1,qode-theme-ver-13.1.1,qode-theme-bridge,bridge-child,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2.1,vc_responsive
Gary Burton

Gary Burton lascia il mondo della musica

Gary Burton “appende le bacchette al chiodo” a causa dei postumi di un infarto.

Per chi non lo conoscesse, Gary Burton è stato senza dubbio uno dei vibrafonisti più originali ed influenti nella storia del jazz. Fu il pioniere della tecnica chiamata in suo onore Burton Grip, che permette al vibrafonista di tenere quattro bacchette in mano, al posto delle canoniche due, ampliando infinitamente le possibilità armoniche sullo strumento. A livello artistico ebbe successo anche come musicista fusion, stile che gli permetteva di mescolare molteplici influenze, e fu inoltre tra i primi a rendere popolare il duo nel jazz. Ha suonato con tanti dei grandi nomi del jazz, essendo un rinomato sideman, ma è stato capace di coltivare anche una carriera solistica di altissimo profilo. E’ stato un grandissimo nel campo della didattica, apprezzato in tutto il mondo anche per questa qualità. Nel 1985 ha dichiarato pubblicamente la propria omosessualità, e resta ancora oggi uno dei pochissimi musicisti jazz ad averlo fatto.

Qualche anno fa, dopo un infarto, Burton si rende conto di non avere più lo stesso smalto di prima. Non riesce a mantenere il proprio altissimo standard sul palco, cosa che lo mette in grande, grandissima difficoltà. Due anni fa, la decisione: “mi ritiro dal mondo della musica”. Nelle ultime settimane, Gary Burton ha realizzato il suo ultimo tour, chiamato non a caso Farewell Tour (Tour d’addio), che lo ha portato a chiudere la propria incredibile carriera qualche giorno fa. Qui sotto potete trovare il cortometraggio Retires The Malletsche documenta quest’ultima esperienza musicale di uno dei grandissimi del jazz.


 

Michele Capasso
assomiki@gmail.com
No Comments

Post A Comment
Or