Jamison Ross - All For One - THE ITALIAN SOUL
6135
post-template-default,single,single-post,postid-6135,single-format-standard,qode-listing-1.0.1,qode-social-login-1.0,qode-membership-navigation-over-title,qode-quick-links-1.0,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1200,overlapping_content,hide_top_bar_on_mobile_header,columns-3,qode-child-theme-ver-0.0.1,qode-theme-ver-16.7,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive
Jamison Ross

Jamison Ross – All For One

Il 26 gennaio uscirà All For One, secondo album del batterista e cantante Jamison Ross.

Per chi non lo sapesse, ogni anno il Thelonious Monk Institute of Jazz, una delle più importanti istituzioni didattiche al mondo per quanto riguarda il jazz, organizza un concorso che richiama i migliori talenti da ogni angolo del mondo. Spesso vincere o anche arrivare semplicemente sul podio di questo concorso corrisponde all’inizio di una carriera musicale di alto livello; d’altronde un concorso che ha visto passare al tavolo dei giudici mostri sacri come Herbie Hancock, Quincy Jones, Al Jarreau, Ron Carter e molti altri non può che essere una fucina di talenti. Un’edizione particolarmente ricca di future star fu quella del 2012, dedicata alla batteria. La giuria, composta da grandissimi nomi come Brian Blade, Jimmy Cobb, Terry Lyne Carrington, Ben Riley, Peter Erskine e Carl Allen diede il là alla carriera di diversi ormai noti batteristi; in particolare, il podio fu notevole, se pensiamo che il terzo ed il secondo posto furono assegnati rispettivamente a due grandi batteristi come Colin Stranahan e Justin Brown. Oggi, però, noi parleremo del vincitore di quell’edizione: Jamison Ross.


Jamison nasce e cresce a Jacksonville, in Florida. Come per molti suoi colleghi, l’incontro con la musica avviene nella chiesa del nonno pastore, un incontro che, come avrete capito, lo segnerà a vita. La passione per la musica alla Douglas Anderson School of the Arts, dove comincia a studiare il jazz; studi che porterà avanti alla Florida State University e alla University of New Orleans. Il suo talento come batterista viene notato da tutti, e non è difficile per lui guadagnarsi la chiamata per il concorso sopracitato. La conseguente vittoria gli permette di firmare un contratto con la Concord Jazz: il primo disco di Jamison Ross è in arrivo.  Ed è qui che il musicista della Florida stupisce tutti. Chi si aspettava un album strumentale prettamente jazz rimane colpito quando, nel 2015, esce Jamison:

“A quel tempo la gente mi conosceva solo come batterista; non sapevano che fossi in grado di cantare. Io, però, volevo unire i miei talenti”.

E’ così che Jamison fa conoscere il batterista/cantante agli appassionati di tutto il mondo, facendogli guadagnare anche una nomination ai Grammy, guarda caso nella categoria Best Jazz Vocal Album. Il suo secondo album uscirà invece tra pochi giorni, il 26 gennaio, sempre per la Concord Jazz e si intitolerà All For One. Il disco è stato anticipato da tre singoli, Don’t Go to Stranger, uscito ad ottobre, Unspoken, uscito a dicembre, e l’ultimo A Mellow Good Time, pubblicato appena cinque giorni fa, il 5 gennaio. Tre piccole perle che ci riempiono di impaziente attesa per quello che potrebbe esse All For One. Manca poco, ma sappiamo che questo gigante buono, una vera e propria creatura mitologica, saprà stupirci ancora e ancora…

Credit Photo Elton Anderson

Michele Capasso
assomiki@gmail.com
No Comments

Post A Comment
Or

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.