Jay-Z - The Story Of O.J. - THE ITALIAN SOUL BLOG
5312
post-template-default,single,single-post,postid-5312,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-child-theme-ver-0.0.1,qode-theme-ver-11.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive
Jay-Z

Jay-Z – The Story Of O.J.

The Story Of O.J. è il nuovo singolo di Jay-Z.

Si, non vi sbagliate. Sono la voce di Nina Simone ed il pianoforte da lei suonato quelli che introducono The Story of O.J., il primo singolo e video estratto dal nuovissimo album di Jay-Z dal titolo 4:44 uscito solo da una settimana e che ha già raggiunto il platino. L’esclusiva di questo suo nuovo progetto è di Tidal, la piattaforma streaming gestita dalle società dallo stesso Jay-Z, ma il video che accompagna la canzone è disponibile a tutti i comuni mortali, attraverso il canale YouTube dell’artista newyorkese, nonché marito di Beyoncè.



La scelta di un campionamento come quello di Four Women di Nina Simone e le immagini in bianco e nero di Jaybo, il disgraziato e perseguitato protagonista di colore della celebre serie animata creata dalla Warner Bros nei primi decenni del ‘900, non sono scelte fortuite. Sono le perfette icone con le quali Jay-Z vuole evidenziare stereotipi e preconcetti sulla cultura afro-americana. Lui ha raggiunto il successo e con il suo successo ha trovato altre opportunità di guadagno. Che si tratti di acquistare immobili o opere d’arte o di investimenti nella new technology, Tidal è l’esempio lampante, lui non ha nulla di cui vergognarsi, e non deve giustificarsi con nessuno, né tanto meno con una comunità afro-americana che spesso dimostra di essere ancora più invidiosa dai traguardi raggiunti da un proprio esponente. Probabilmente l’esperienza insegna ed il messaggio che Jay-Z rivolge alle giovani leve della musica rap è chiaro: i soldi vanno reinvestiti piuttosto che spesi in uno strip club.

Fiero e dignitoso, difende le sue passioni ed il suo business con una canzone schietta, dove le rime plasmate su di un impareggiabile produzione, quella di No I.D., che firma tutte le tracce dell’album, raggiungono lo scopo voluto, dando più di uno scossone a chi, secondo il Jigga Man, gli ha voltato le spalle. Il video, co-diretto dallo stesso Jay-Z e dal suo collaboratore Mark Romanek, che aveva già firmato 99 Problems e Picasso Baby, sul finale sottolinea lo schietto messaggio razzista che non importa quanti soldi hai, quanto sei famoso e neppure quante persone ti ammirano, perché alla fine rimani, di fronte agli sguardi della maggior parte della gente, solo un nero, in America. Lasciando perdere questi pregiudizi, noi, dopo aver visto ed ascoltato The Story of O.J., abbiamo deciso di credere ai nostri occhi e alle nostre orecchie e ribadiamo il giudizio che Jay-Z è il numero uno!

Simone Cazzaniga
musicniga@gmail.com
No Comments

Post A Comment
Or