Marie & The Sun - Interview - THE ITALIAN SOUL
4525
post-template-default,single,single-post,postid-4525,single-format-standard,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,overlapping_content,hide_top_bar_on_mobile_header,columns-3,qode-child-theme-ver-0.0.1,qode-theme-ver-14.4,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive
marie & the sun

Marie & The Sun – Interview

Abbiamo fatto qualche domanda al duo ligure Marie & The Sun.

Ultimamente il nostro paese ci regala novità interessanti, soprattutto per quanto riguarda il microcosmo neo soul/elettronico. Dopo la bella scoperta di settimana scorsa (l’EP Lust Blue di LNDFK), oggi vi parliamo di un duo che abbiamo scovato da qualche tempo e che ci ha fatto drizzare immediatamente le orecchie grazie al loro primo EP omonimo. Stiamo parlando di Marie & The Sun.

Marie & The Sun è un duo in bilico tra neo soul, musica elettronica, cantautorato, pop e altre varie influenze black. La band, originaria della Liguria (regione che ultimamente ci sta regalando diverse soddisfazioni a livello musicale), è composta da Giulia Magnani e Francesco Drovandi. Marie & The Sun è il loro primissimo lavoro discografico, ma si presenta come un prodotto denso di consapevolezza, ricerca e gusto come poche volte capita di sentire nel nostro paese; consapevolezza che si ritrova sia nelle produzioni, realizzate in collaborazione col beatmaker Stefano ‘Natty Dub’ Casalis (Funk Shui Project), sia nei testi, scritti ed interpretati in modo impeccabile.

Dopo aver ascoltato la musica di questi due ragazzi liguri non abbiamo esitato a contattarli per porre loro qualche domanda su musica, progetti e curiosità varie.


TIS: “Ciao ragazzi! Raccontateci un po’ del vostro progetto: come, dove, quando e perché è nato, la vostra storia, i vostri sogni…”

M&TS: “Ci siamo incontrati una sera in una sala prove, un luogo dove molti musicisti passano giornate, serate e nottate. Dopo aver chiacchierato, ci è venuta voglia di suonare qualcosa insieme: confrontandoci su cosa poter suonare ‘al volo’ è saltata fuori Walk On The Wild Side di Lou Reed. Ne abbiamo registrata una versione lo-fi quella sera stessa e il giorno dopo ci siamo accorti che aveva qualcosa di speciale. Da quel momento abbiamo cominciato a lavorare insieme”.

TIS: “Abbiamo ascoltato il vostro nuovo EP e ci è piaciuto parecchio. Ci parlate di questo progetto in particolare (come è nato, come si è sviluppato, cosa vi ha ispirato ecc.)?”

M&TS: “In questi anni abbiamo suonato parecchio in giro, nel frattempo abbiamo scritto moltissime canzoni, forse per cercare un nostro stile. Quando ci siamo sentiti pronti ci siamo messi alla ricerca di un produttore artistico che potesse darci il sound che cercavamo. Abbiamo incontrato Stefano ‘Natty Dub’ Casalis, beatmaker torinese, e abbiamo capito subito di aver trovato chi faceva al caso nostro. Abbiamo così deciso di racchiudere alcune delle nostre canzoni in un primo EP di presentazione; molti dei brani di questo EP parlano, almeno a un primo livello di lettura, d’amore. Crediamo che le cosiddette ‘canzoni d’amore’ in realtà offrano infinite possibilità di raccontare temi apparentemente anche molto distanti come le proprie paure, la propria voglia di emancipazione, il rapporto con la società che ci circonda, i nostri desideri e la nostra crescita personale”.


TIS: “Quali artisti/band vi hanno più influenzato come gruppo e come singoli?”

M&TS: “Giulia è cresciuta ascoltando le grandi voci black del passato, come Etta James, James Brown, Nina Simone e Billie Holiday, Francesco invece ha ascoltato parecchio artisti ‘classici’ come Beatles, Led Zeppelin, Pink Floyd, Jimi Hendrix e molti altri”.

TIS: “In questo momento quali artisti/band apprezzate di più?”

M&TS: “Gli artisti e and che attualmente ascoltiamo parecchio e che prendiamo come riferimenti sono Amy Winehouse, Lianne La Havas, altri che mescolano la musica black e l’elettronica come James Blake, Chet Faker, Flying Lotus, ma anche Hiatus Kayote, The Internet e molti altri. Attualmente stiamo ascoltando e apprezzando molto il nuovo album di Frank Ocean, il nuovo album di Solange, la solita Lianne la Havas e gli Oh Wonder”.

TIS: “Quali sono i vostri obiettivi/progetti per il futuro?”

M&TS: “I nostri obiettivi per il futuro sono di suonare il più possibile, portando la nostra musica in giro per l’Italia e anche fuori, e ovviamente non vediamo l’ora di rientrare in studio per registare  il nostro primo album”.

Clicca qui per ascoltare Marie & The Sun su Spotify.

Michele Capasso
assomiki@gmail.com
No Comments

Post A Comment
Or