Ntjam Rosie - THE ITALIAN SOUL BLOG
2294
post-template-default,single,single-post,postid-2294,single-format-standard,qode-listing-1.0.1,qode-social-login-1.0,qode-membership-navigation-over-title,qode-news-1.0,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-child-theme-ver-0.0.1,qode-theme-ver-13.1.1,qode-theme-bridge,bridge-child,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2.1,vc_responsive
Ntjam Rosie

Ntjam Rosie

Scoprite con noi Ntjam Rosie, dal Cameroon con furore.

In questi mesi uno dei temi di attualità più chiacchierati e dibattuti è sicuramente quello dell’emigrazione. Carovane composte da centinaia di migliaia di persone di decine di nazionalità che, a causa di guerra e povertà, si spostano nel nord del mondo. L’emigrazione non è un fenomeno nuovo, è sempre stata una caratteristica umana, ma sembra ci sia una grossa percentuale di persone, soprattutto qui in Italia, che ne sembra sorpresa e addirittura molto infastidita. Questa introduzione non è casuale. Oggi infatti parleremo di un’incredibile artista, la quale affonda le radici della propria ricchezza artistica proprio nella sua storia di emigrazione: Ntjam Rosie.

Ntjam Rosie nasce nel 1983 A Sonkoe, un minuscolo ammasso di casupole nel sud del Cameroon, descritto dalla cantante come lontano ore dai piu vicini centri abitati. Quando Ntjam compie 9 anni la madre decide di emigrare verso l’Europa, più precisamente in Olanda, portando con sé la piccola.

Cresciuta con la passione per la musica (Madonna, Sade ed Erykah Badu i suoi miti musicali nell’adolescenza) comincia a studiare canto all’età di 14 anni, esperienza che la aiuterà a superare difficoltà linguistiche e sociali inevitabili per chi emigra in paesi culturalmente molto diversi dal proprio.

Successivamente Ntjam studia alla Codarts Academy. Il suo talento non tarda a farsi notare tanto che, ancora studente, ottiene un contratto discografico grazie al quale, nel 2008, riesce a pubblicare il suo primo album “Atouba”.

Da lì in poi la crescita di questa talentuosa musicista è esponenziale. Ntjam infatti pubblica altri tre album in studio e uno dal vivo e suona in giro per il mondo nei più importanti festival jazz e soul, ricevendo inoltre per ben due volte una nomination al Dutch Edison Jazzism Public Music Awards. Il suo sound matura e si arricchisce negli anni, grazie anche al suo riavvicinarsi alla fede cristiana, reminiscenza della sua infanzia africana passata a cantare gospel, spirituals e musica tradizionale cameroonense, generi che formano un blend unico con la sua anima jazz, soul e r&b.

Il picco artistico di Ntjam è rappresentato dal suo ultimo album, “One” (2015), un lavoro di assoluto valore soprattutto se confrontato con altri del panorama black europeo, e anche considerando che per la prima volta è la stessa artista cameroonense a prodursi da sé. R&B, neo soul, pop, folk, afro beat, gospel: Ntjam padroneggia e mescola ognuno di questi linguaggi alla perfezione, così come padroneggia perfettamente inglese, francese ed olandese, le tre lingue in cui scrive e canta. Dai testi si intuisce inoltre, come già detto, una vocazione spirituale maggiore rispetto ai lavori precedenti: un ritorno alle sue origini culturali, religiose ed artistiche che non fa altro che arricchire di fascino “One”.

Ma non è solo la musica a darle grandi soddisfazioni. Ntjam è infatti considerata un’icona di stile nel suo paese adottivo, tanto da essersi meritata una nomination anche per l’Elle Personal Style Award grazie al suo talento nel campo della moda.

Ntjam Rosie è considerata una donna moderna, talentuosa e indipendente (possiede anche una propria etichetta, la Gente Daze). È la dimostrazione lampante di come chi emigra possa essere una risorsa e non un peso, a patto che trovi un paese davvero pronto ad accogliere e a crescere anche chi non è nato sul patrio suolo e chi non fa culturalmente parte di esso. È anche la dimostrazione di come un paese multiculturale e multietnico possa solo ricevere grande ricchezza e fermento, e non divisione e ostilità come qualcuno vorrebbe far credere.

Una piccola provocazione: vi immaginate Ntjam Rosie da Sonkoe se fosse emigrata in Italia? Be’, io un’idea ce l’avrei.

 

 

 

Michele Capasso
assomiki@gmail.com
No Comments

Post A Comment
Or