SHAOLIN TEMPLE DEFENDERS: 23 FEBBRAIO MILANO, BARRIO'S LIVE - THE ITALIAN SOUL
6350
post-template-default,single,single-post,postid-6350,single-format-standard,qode-quick-links-1.0,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1200,overlapping_content,hide_top_bar_on_mobile_header,columns-3,qode-child-theme-ver-0.0.1,qode-theme-ver-16.4,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive
Shaolin Temple Defenders Barrios The Italian Soul

SHAOLIN TEMPLE DEFENDERS: 23 FEBBRAIO MILANO, BARRIO’S LIVE

Shaolin Temple Defenders: Live

Shaolin Temple Defenders in Italia dal vivo! Venerdì 23 Febbraio la band è dal vivo a Milano, al Barrio’s Live in piazzale Donne Partigiane 2. Tutte le info qui.
L’apertura porte è alle 19, l’inizio live alle 22 e la cucina è aperta.
Benvenuti, per una sera, al Tempio!

Shaolin Temple Defenders: chi sono

Laure Frejacques: tromba
Vincent Le Fort: sassofoni
Cedric Lacaze: organo, flauto traverso
Pierre Petit aka The Preacher: chitarra
Jeremy Ortal: basso
Mickey Fourcade: batteria
Brother Lion: voce, tamburello

La loro biografia inizia così:

“Per una band la cui passione risiede nel Soul degli anni ’60, aprire un concerto di Sharon Jones and the Dap Kings è, da un certo punto di vista, come palleggiare con Roger Federer prima della finale a Wimbledon: un’esperienza unica che ti fa guadagnare molti anni di vita.”
Dal 2003 ad oggi hanno fatto molta strada, calcato migliaia di palchi e condiviso cinque album.
All’insegna del Tempio di Shaolin.
Fino a qua:

Shaolin Temple Defenders: Brother Lion presenta ‘Free Your Soul’

Il disco più recente si intitola “Free Your Soul” e nelle parole del frontman, Brother Lion la sua descrizione è questa.

“Free Your Soul è come un grido di liberazione in un mondo alienante. Questo è l’argomento principale di cui tratta il disco.
Cercavamo un suono più ruvido e diretto sopra cui appoggiare i testi e se prendiamo ad esempio la canzone di apertura, ‘Out In The Sun’, fa riferimento alla fuga da un mondo conformista al fine di riscattare la nostra libertà. Ecco perché abbiamo inserito un sample da ‘Fight Club’ nella traccia.

Ci sono poi parecchie altre questioni sociali che abbiamo trattato nel disco: la dipendenza dal mondo digitale (in Stand For A New Life) o l’avidità delle classi al potere (Stop Whining), il potere dei media (The Reign) e lo schiavismo cui siamo soggetti quando si parla di social network (Rule Yourself) fino al problema dei paradisi fiscali che permettono a strutture decisamente poco trasparenti di avere la possibilità di riciclare denaro (Panama Papers).

Insomma, noi vogliamo portare la gente a riflettere sulla nostra condizione umana e abbiamo scelto questa volta di concentrarci maggiormente su istanze sociali piuttosto che sulle tradizionali canzoni che parlano d’amore con temi mutuati dal Blues.

Abbiamo anche assecondato la nostra urgenza di esplorare nuovi suoni all’interno del mondo classico del soul in quanto credo che solo la contaminazione tra varie ispirazioni, oggi, possa portare la musica ad essere contemporanea”.

Shaolin Temple Defenders: le origini

“Il nome della band è preso da un film di arti marziali degli anni 70. Il nostro batterista ebbe l’idea durante una festa e da allora noi ci siamo identificati in questo nome costruendo la storia del gruppo sui Difensori del Tempio di Shaolin.

Oggi non ci consideriamo parte della scena retro soul. In effetti ai nostri esordi poteva essere così, visto che abbiamo lavorato a lungo come band di apertura per Sharon Jones And the Dap Kings che sicuramente ci hanno influenzati tantissimo.
Poi la nostra reputazione è andata avanti, sia quando abbiamo preso parte a compilation come Soulshaker (per l’italiana Record Kicks) che ha rinsaldato il nostro nome come rappresentanti per la Francia della scena retro soul. Oltre a questo, l’esperienza con Martha High (della James Brown Revue) ha aggiunto credibilità per noi presso gli estimatori del soul in tutto il mondo.

Noi però abbiamo gradualmente inserito nella nostra musica altri elementi quali l’hiphop, il rock, un gusto latino o alcuni elementi Afrobeat che ci hanno permesso di rendere il suono di Shaolin Temple Defenders più personale.
Insomma, oggi ci definiamo come i difensori di un certo tipo di musica Soul, protetta e difesa da qualche parte nei dintorni di Bordeaux, in Francia”.

Intanto puoi ascoltarli qui, ti aspettiamo al Barrio’s per la notte del Tempio!

 

dario serafino
Info@theitaliansoul.com
No Comments

Post A Comment
Or

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.