fbpx
Soniquete: The Sensational Sound Of Gecko Turner - THE ITALIAN SOUL
7180
post-template-default,single,single-post,postid-7180,single-format-standard,qode-listing-1.0.1,qode-social-login-1.0,qode-membership-navigation-over-title,qode-music-1.0.3,qode-quick-links-1.0,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,overlapping_content,hide_top_bar_on_mobile_header,columns-3,qode-product-single-tabs-on-bottom,qode-theme-ver-17.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive
Gecko Turner Soniquete

Soniquete: The Sensational Sound Of Gecko Turner

A quindici anni dal debutto del suo primo disco, Gecko Turner festeggia pubblicando “Soniquete”

A quindici anni dal debutto del suo primo disco, Gecko Turner festeggia pubblicando “Soniquete”: il prodotto della casa spagnola Lovemonk è una raccolta dei 13 pezzi più significativi della sua carriera, con in più l’inedito “Cortando Bajito”. Il lancio dell’album, inoltre, coincide con l’uscita per la prima volta dei vinili di “Guapapasea” (2003) e “Chandalismo Ilustrado” (2006), rispettivamente primo e secondo disco dell’artista.

La passione di Gecko, artista nato nel ‘66 in Extremadura, regione spagnola a ovest di Madrid, emerge già da bambino, quando rimane affascinato dalla collezione di vinili presso la stazione radio in cui il padre lavorava come giornalista sportivo.

Turner, quindi, inizia presto a cantare e suonare i pezzi degli artisti a cui si ispira, come Bowie, The Kinks, Talking Heads e James Brown.

Cantante, musicista e arrangiatore, Gecko Turner diventa un artista completo, dotato di un ricchissimo bagaglio culturale formatosi a seguito di numerose esperienze che lo portano ad assumere uno stile unico, uno stile che raccoglie una moltitudine di generi popolari da ogni parte del mondo. In “Soniquete” è semplice accorgersi della mescolanza fra la black music, con il soul-funky-jazz, il sound afro con le sue percussioni e l’immancabile ritmo caraibico e latino; il titolo stesso dell’album è una parola usata nel flamenco per indicare ritmo e suono, il tipico tambureggiamento per intenderci. Gecko canta sia in spagnolo che in inglese, perfezionato durante la sua permanenza a Londra, ma usa anche un linguaggio che si è creato “su misura”, unendo il dialetto locale a slang stranieri, spesso di strada, a incastri e giochi di parole, che trasmettono un senso di spensieratezza estremamente piacevole.

Per la riuscita del disco hanno partecipato musicisti di un certo spessore, provenienti da ogni parte del pianeta, tra cui: l’incredibile voce inglese di Eska, il percussionista brasiliano Rubem Dantas e il pianista cubano Javier Massò, per citarne alcuni, mentre è accompagnato dalle percussioni di Akin Elegbede Onasanya (leader della banda Ogun Afrobeat) nel singolo novità “Cortando Bajito”, brano registrato in africa occidentale che ricorda molto lo stile di Stevie Wonder in “Innervisions”.

Nel contesto in cui viviamo, in cui guadagno e marketing vanno spesso a discapito dell’arte, “Soniquete” vuole essere il ritratto di un artista che vive, suona e gioca senza troppe preoccupazioni, un musicista fuori dagli schemi, lontano dalle regole dell’industria musicale, sempre coerente con la propria filosofia che non lo porta a scendere a compromessi, ma in cui l’unico compito è quello di produrre musica fatta bene. In questo Gecko non può che essere un esempio eccezionale, una rarità impossibile da non apprezzare, portatore di un pensiero che ogni artista vero dovrebbe condividere.

Vi lasciamo all’ascolto di questo lavoro a dir poco elettrizzante, un disco in grado di regalare allegria in qualsiasi momento della vostra giornata.
Grazie Jada di Will Work 4 Funk per la segnalazione.

Daniele Credidio

 

Tags:
, , , ,
Daniele Credidio
ganjaienaespz@gmail.com
No Comments

Post A Comment
Or

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.