Vhelade - Afrosarda live at Ziolive Club - THE ITALIAN SOUL
5849
post-template-default,single,single-post,postid-5849,single-format-standard,qode-listing-1.0.1,qode-social-login-1.0,qode-membership-navigation-over-title,qode-news-1.0,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-child-theme-ver-0.0.1,qode-theme-ver-12.1.1,qode-theme-bridge,bridge-child,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive
Vhelade

Vhelade – Afrosarda live at Ziolive Club

Siamo stati a sentire dal vivo Vhelade allo Ziolive Club.

Lo scorso sabato siamo stati allo Ziolive Club a sentire Vhelade, cantante che abbiamo già ospitato su questo blog in un articolo di diversi mesi fa, purtroppo andato perso in una migrazione da un server ad un altro. Allora il pretesto per parlare di lei fu l’uscita del suo disco, Afrosarda; oggi ve ne parliamo dopo aver fatto esperienza diretta della sua musica. Il concerto inizia con una bella interpretazione di Why Can’t We Live Together, vecchia hit di Timmy Thomas. Lei da prova subito di essere una pantera da palco, grazie alla sua voce potente e una gran padronanza della dinamica e dell’intonazione.


È difficile scrivere liriche soul in italiano, ma non è impossibile, il rischio è sacrificare la fluidità delle parole, limitare il vocabolario o scivolare nel pop. Con alcuni brani di Afrosarda Vhelade ci è riuscita, mentre con altri si è avvicinata molto a un estetica più commerciale. Lo stacco nella musica, purtroppo o per fortuna, lo davano le cover che alternava al suo repertorio (come Kiss e I Can’t Help It)… Eppure una voce così sembra nata per fare quello. Nonostante tutto, il sound c’era: la voce di Vhelade e la performance di tutti i musicisti sono riusciti molto bene a crearlo. Ora non ci resta che aspettare il secondo capitolo della storia discografica della cantante nata a Milano, ma con origini zairesi e sarde.

Dario Serafino
me@darioserafino.com
No Comments

Post A Comment
Or