Wallflowers è il nuovo album di Jordan Rakei - THE ITALIAN SOUL
5620
post-template-default,single,single-post,postid-5620,single-format-standard,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-child-theme-ver-0.0.1,qode-theme-ver-11.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive
Jordan Rakei Wallflower

Wallflowers è il nuovo album di Jordan Rakei

Venerdì è uscito Wallflowers, il secondo album di Jordan Rakei.

Dopo circa un anno e tre mesi dal suo primo, strepitoso album, Cloak, Jordan Rakei è già da diversi giorni in tour per promuovere il secondo capito della sua storia discografica, Wallflowers. Il disco, uscito venerdì 22 settembre (stesso giorno di Mezzanotte di Ghemon) per l’etichetta londinese Ninja Tune, restituisce al pubblico un immagine diversa rispetto a quella del suo predecessore; si tratta di un album più cupo, riflessivo, sia dal punto di vista musicale, che da quello delle liriche. Lo stesso Jordan lo ha presentato in questo modo:


“Sono passati 24 anni…

Questo giorno apre un nuovo capitolo nella mia vita. Sono veramente eccitato di poter condividere il mio nuovo album Wallflowers con voi. Mi sento enormemente orgoglioso riguardo questo disco e sono contento che ora possiate ascoltarlo. Wallflower rappresenta un progresso del mio suono verso un mondo musicale più cupo, con testi crudi e intimi. Spero vi piaccia!

Essendo una persona che soffre di ansia, non è sempre facile esprimere alle altre persone come ci si sente. Avendo tenuto per me i mie rimuginii ansiogeni per tutta la vita, per me è stato veramente catartico scrivere e pubblicare un disco che mi permetta di parlare delle difficoltà che affronto ogni giorno. Il processo di scrittura mi ha dato una via d’accesso per canalizzare i miei demoni, e spero che i miei pensieri possano portare sollievo a chi soffre di ansia, come so succedere a molti. Mi sento fortunato ed orgoglioso ad avere la possibilità di condividere quest’esperienza con voi, è un grosso peso che mi sono tolto dalle spalle. Dire le cose ad alta voce è il rimedio migliore. 

Ci sono molte persone che vorrei ringraziare, prima di tutto i miei genitori. Essi mi hanno dato la libertà di creare e gliene sarò sempre grato. In secondo luogo, vorrei ringraziare Jim McRae, che ha co-prodotto quest’album con me. Ci siamo dati da fare per lunghe settimane affinché questo disco fosse completato e lui dovrebbe essere fiero di quello che abbiamo raggiunto insieme! Infine, vorrei dire un grosso grazie a tutti i musicisti che hanno suonato nell’album. E’ bello sapere di aver trovato un gruppo di bravissimi musicisti che mi capiscono veramente come artista, il loro “input” è stato molto prezioso.

Abbiamo appena finito il nostro primo tour negli U.S.A. che è stato incredibile e non vediamo l’ora di portare Wallflower nel Regno Unito e in Europa ad ottobre e novembre. Abbiamo provato parecchio negli ultimi mesi e Wallflower è venuto alla luce in maniera veramente interessante, non vedo l’ora che lo sentiate. Se non siete ancora riusciti a prendere i biglietti, andate sul mio sito!

Grazie per il vostro continuo supporto. Pace e amore.

Jrakz”.

Wallflowers

Jordan Rakei conferma di essere un artista mai banale, e non solo dal punto di vista musicale… non vediamo l’ora di vederlo il 6 novembre al Magnolia di Milano!

Michele Capasso
assomiki@gmail.com
No Comments

Post A Comment
Or