Ben Harper - Bloodline Maintenance

Ben Harper – Bloodline Mantainance

“Bloodline Mantainance”, nuovo album per Ben Harper 

Dopo la pausa estiva torniamo a parlare della nostra amata musica soul, facendovi viaggiare nel tempo attraverso grandi classici del genere, e proponendovi qualche interessante novità come “Bloodline Mantainance”, nuovo album per Ben Harper, eccellente cantautore e musicista che dai primi anni ‘90 ci ha sempre deliziato con il suo inebriante cocktail di blues, funk, soul, rock, country, folk e reggae. Dopo 2 album incisi con il grande blues-man Charlie Musselwhite, e un disco strumentale nel 2020, con questo nuovo lavoro il musicista di Pomona ci offre una nuova opera, a lui solo accreditata e in cui, salvo alcuni rari interventi, suona la maggior parte degli strumenti. Non solo denuncia sociale ma vengono anche ricordati i suoi affetti più cari come il padre Leonard e il collega e amico musicista Juan Nelson (con lui negli Innocent Criminals), entrambi deceduti, e viene pure celebrato l’amore.

 

 

La denuncia verso il razzismo e le piaghe della società attuale vengono manifestate nel funk dal piglio deciso del singolo “We Need To Talk About It”, come appunto dice in queste parole, potenti come macigni: “You’re either a Christian or a racist, you can’t be both”(non puoi essere cristiano e razzista allo stesso tempo). Ancora sonorità funky in “Problem Child”, in cui c’è qualche concessione ai suoni urban, grazie alla presenza degli scratch dei giradischi. La vena romantica, ma mai stucchevole, viene fuori in “More Than Love”, pezzo con reminescenze del mitico Al Green, mentre “Honey, Honey” ci mostra qualche richiamo al grande Donny Hathaway, grazie alle note efficaci del piano Rhodes. Per il blues nel classico stile di Ben bisogna arrivare a “Knew The Day Was Comin’”.

 

 

Possiamo dire che in questo suo nuovo lavoro il musicista di Pomona si sia mostrato in gran spolvero, ancora con tante cose da dire e con la grande intenzione di sfamare gli affamati di bella musica, di quel soul genuino che sa mostrarsi classico e moderno al tempo stesso. Grazie a caratteristiche come la consapevolezza sociale, arrangiamenti  creati  con un nucleo ridotto di musicisti, l’amore e gli affetti trattati senza cadute di tono e retorica, “Bloodline Mantainance” ha tutte le carte in regola per inserirsi tra le migliori nuove uscite per quanto riguarda la scena soul-funk e R&B. Ben Harper, sin dagli anni ‘90, non ha paura di seguire la sua strada, anche a costo di mostrarsi controcorrente con le mode. In un’epoca che predilige i suoni elettronici e le fredde macchine in studio, “Bloodline Mantainance” è capace di impartire lezioni di vero soul e non ci resta altro che ringraziare Ben e dargli quindi il nostro più che caloroso ben tornato!

Francesco Favano

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

TOP 20 The Italian Soul Blog

Social Media

Most Popular

Categories

On Key

Related Posts

Instant Vintage - Raphael Saadiq - The Italian Soul

Instant Vintage – Raphael Saadiq

Con Instant Vintage intento di Raphael Saadiq è quello di sciorinare un soul “retro-moderno” Se c’è nella scena neo-soul un artista versatile, eclettico e in