Kehlani - Blue Water Road

Blue water road, il nuovo poetico disco di Kehlani

Kehlani esce con l’album “Blue Water Road” frutto di una lenta crescita personale e spirituale.

Un disco vulnerabile e onesto, provocante e spirituale. Dopo una serie di ascolti è così che descriverei Blue water road, il nuovo album della cantante californiana Kehlani. A detta dell’artista, infatti, l’album sarebbe il frutto di una lenta crescita personale e spirituale, che ha trovato il suo culmine nell’esperienza della maternità e nella nascita della prima figlia. 

Ad un primo ascolto, però, l’album sembrerebbe mancare di incisività. A differenza degli ultimi lavori delle sue colleghe e coetanee Summer Walker e H.E.R., che sono stati accolti come veri monumenti dell’r&b al femminile contemporaneo, Blue water road non è un album d’impatto e richiede più tempo per essere apprezzato.

Fra i pezzi più interessanti c’è sicuramente la prima traccia, “little story”, una dichiarazione spassionata in cui la cantante chiede a un/una possibile partner di aiutarla a scrivere la loro “piccola storia” d’amore (I want you to pick up the pen and write me into your story), il tutto accompagnato da atmosfere fiabesche e una bella chiusura orchestrale. 

La ballata “everything”, invece, è un pezzo dal sound minimal guidato dalla voce limpida della cantante, in cui Kehlani si cimenta in una dedica nostalgica alle qualità fisiche, caratteriali e spirituali del/la suo/a partner. La traccia, che è anche il secondo singolo estratto dall’album, è accompagnata da un bel videoclip ispirato allo stile gangsta anni’90, che richiama l’adolescenza della cantante di Oakland, segnata dalla perdita prematura del padre e dalla condanna della madre per abuso di droghe. 

 

 

Fra le uptempo si distingue la collaborazione con Justin Bieber, “up all night”. In questo caso il pezzo forte è la base, che in alcuni passaggi ricorda le atmosfere vaporose di The Velvet Rope (1997) o il memorabile riff in “That’s the way love goes” (1993), momenti indelebili della carriera di Janet Jackson firmati Jam & Lewis. Una menzione speciale va anche qui al videoclip, un vero e proprio tributo alle coreografie delle icone pop e r&b anni ’90 come Michael Jackson, Aaliyah e la già citata Janet, spesso citate da Kehlani come sue fonte di ispirazione.

Apparentemente freddo, Blue water road riesce con il tempo a catturare l’ascoltatore, trasportandolo in quello spazio musicale e creativo che dà appunto il titolo all’album. “Blue water road è il nome di una strada a Malibu dove ci trovavamo per le registrazioni per l’album. Ed è anche il posto in cui ho sentito mia figlia parlare per la prima volta, per cui è stato naturale chiamare l’album così”, ha detto Kehlani in un’intervista per Amazon music. 

Certo, serve uno sforzo per apprezzare quest’album e coglierne le sfumature e ambiguità. Se però siete incuriositi dai volti anche più insoliti della femminilità e amate l’r&b contemporaneo, fare una sosta a Blue water road potrebbe rivelarsi un’ottima scelta.  

Simone Boldreghini

 

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

On Key

Related Posts

Instant Vintage - Raphael Saadiq - The Italian Soul

Instant Vintage – Raphael Saadiq

Con Instant Vintage intento di Raphael Saadiq è quello di sciorinare un soul “retro-moderno” Se c’è nella scena neo-soul un artista versatile, eclettico e in

the liquor store

The Liquor Store – Colossus

Montreal, Quebec, Canada: è qui che nasce The Liquor Store, band jazz-funk che ha appena pubblicato il suo secondo LP, Colossus Come sapranno i nostri lettori