Meta
Earth Wind & Fire - All 'N All

Earth Wind & Fire – All ‘N All

Cinque anni fa ci lasciava Maurice White, leader della leggendaria band Earth Wind & Fire. Lo ricordiamo con il capolavoro All ‘N All

Sono passati cinque anni esatti anni da quando Maurice White, leader della mitica band Earth Wind & Fire, ci ha lasciati. Per ricordarlo abbiamo deciso di parlare di All ‘N All, album della band uscito nel 1977. Maurice, insieme al fratello Verdine e alla voce in falsetto di Philip Bailey, ha dato vita durante gli anni ’70 a uno stile soul-funk di grande vitalità, aperto alla contaminazione e che si avvale di una delle migliori sezioni fiati dell’intero panorama musicale. Esordirono nel 1970, ma solo a partire dal 1975 con gli album That’s The Way Of The World e il meraviglioso live Gratitude, cominciarono a decollare e farsi apprezzare da pubblico e critica.

All ‘N All, un disco tra funk, soul, Africa e Brasile

 

Con All ‘N All aggiunsero quindi un altro importante tassello alla loro carriera. Tutto nella loro musica è curato nei minimi dettagli: dall’importanza data all’elemento ritmico in pezzi più funky alle melodie ricercate e allo stesso tempo immediate nelle ballate soul. A ciò si aggiunge anche la scelta delle copertine con vari richiami all’antico Egitto. L’Africa infatti è una caratteristica ricorrente nella musica degli Earth Wind & Fire, forte anche dell’utilizzo della kalimba, antichissimo strumento a percussione tipico dell’Africa sud orientale. All N’ All trova il suo punto di forza in pezzi funky positivi e vibranti come il singolo Serpentine Fire e l’indiavolata ed elettrizzante Jupiter, oltre che nel magistrale mid-tempo Fantasy. Non mancano i richiami al Brasile come negli interludi Brazilian Rhyme (Milton Nascimento), in cui Philip Bailey si lancia in uno scat orecchiabile e contagioso. Ed è proprio il suo falsetto che rende encomiabili ballate dannatamente soul come I’ll Write a Song for You e Be Ever Wonderful. Ancora tanto funk in Magic Mind, mentre è più verso la fusion lo strumentale Runnin’, caratterizzato da un groove ipnotico.

 

Maurice White e Earth Wind & Fire, un’eredità che pesa ancora oggi

 

L’album raggiungerà la prima posizione della classifica Billboard tra i migliori lavori R&B, guadagnando anche la certificazione platino. Uno dei singoli trainanti, Fantasy, si aggiudicherà anche la nomination ai Grammy. A cinque anni dalla dipartita di Maurice White, avvenuta il 4 Febbraio del 2016, possiamo dire come la sua arte e il sound dei suoi Earth Wind & Fire siano ancora più vivi che mai. Il loro senso del groove, i richiami al ritmo ancestrale africano, le loro tematiche visionarie, ottimiste e cariche di grande amore per la vita e i suoi valori positivi, sono tutte caratteristiche che rendono grande la loro musica, un sound capace di superare brillantemente la prova del tempo, grazie anche alle citazioni e ai campionamenti nel neo-soul, nel contemporary R&B e nell’hip-hop. Anche grandi nomi dell’acid-jazz britannico devono molto agli Earth Wind & Fire, basti pensare a gruppi e artisti come gli Incognito, i Jamiroquai o i Brand New Heavies. Grazie mille caro Maurice per le grandi emozioni che ci hai regalato e che continui tuttora a regalarci, may your music and soul live forever and ever! 

Francesco Favano

The Italian Soul TEAM
Info@theitaliansoul.com
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.