Meta
Marvin Gaye - Let's Get It On - The Italian Soul

Marvin Gaye – Let’s Get It On

Il nostro consueto viaggio nel tempo ci porta al 1973, anno di uscita di uno dei più grandi capolavori soul di sempre, Let’s Get It On di Marvin Gaye

Dopo aver stupito nel 1971 con l’indiscusso capolavoro socio-politico What’s Going On, e aver pubblicato nel 1972 l’ottima quanto sottovalutata colonna sonora del film Trouble Man, Marvin Gaye tornava in gran spolvero consegnando alla storia della musica un altro disco superlativo, Let’s Get It On. L’impegno sociale viene accantonato a favore di tematiche che trattano il rapporto di coppia e la passione erotico-sensuale. In quegli anni Marvin interrompe la sua relazione con Anna Gordy, sorella del suo boss Berry, e si innamora di Janis Hunter.

Ed è proprio in questo contesto che nasce Let’s Get It On, un disco capace di trattare la passione carnale con un’eleganza cristallina, senza mai cadere nella banalità e nella volgarità. Il tutto grazie ad arrangiamenti sontuosi, vitali e suggestivi, con abbondanza di sax e orchestra d’archi. Suoni che si potrebbero benissimo definire come “bedroom soul”. E allora come non lasciarsi trasportare dalla vibrante e passionale title-track, o dalla gioiosa e saltellante Come To Get This… Da non perdere nemmeno la dolcissima Distant Lover, altro singolo portante del disco, e You Sure Love To Ball, pezzo in grado di sprigionare sensualità come pochi grazie alla penetrante voce di Marvin e al lussurioso sax. Un discorso a parte merita la finale Just Keep You Satisfied, struggente brano dedicato alla crisi matrimoniale con Anna Gordy. Rendono bene l’idea la voce sofferta di Marvin, il mood drammatico e carico di tensione, oltre che i versi dai 2’49 (It’s too late for you and me/Much too late for you to cry).

 

Let’s Get It On eserciterà una grande influenza sia su alcune opere di artisti come Barry White, Smokey Robinson, Earth Wind & Fire e Teddy Pendergrass, ma anche in voci come Prince, D’Angelo e R. Kelly, altri grandi cantori dell’amore non platonico che a Marvin e a questo disco devono molto.  Il lavoro riceverà grande successo di pubblico e critica e negli anni guadagnerà anche posti di grande rilievo in molte guide ed enciclopedie musicali, non solo del soul, ma anche di tutta la grande musica. Let’s Get It On brilla grazie alla genialità di Marvin Gaye, artista ispirato, inquieto e allo stesso tempo carico di creatività. E nonostante dal 1984, per colpa delle mani omicide del padre, egli non sia più qui tra noi, continua tuttora a dare grandi lezioni alle voci soul contemporanee. Lavori come questo e il già celebrato What’s Going On sono opere in grado di fotografare il grande fermento di quell’epoca, ma anche la voglia di rivoluzione della musica afroamericana e non solo. Alla fine non servono le parole per commentarli e lasciarsi rapire da quelle sonorità dense e viscerali. L’unica cosa da fare è immergersi nell’ascolto e lasciare che sia la musica a parlare da sé. Sia quindi sempre benedetto Marvin Gaye, la sua arte è vera espressione dell’animo umano e come tutte le cose genuine e sincere, non smetterà mai di farsi sempre ricordare nel tempo. You still live in our hearts, bro!

Francesco Favano

The Italian Soul TEAM
Info@theitaliansoul.com
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.