Meta

Miles Bonny – Canal Street (TheItalianSoul Remix #1)

miles bonny

Miles Bonny – Canal Street (TheItalianSoul Remix #1)

The Italian Soul remixa Canal Street di Miles Bonny.

Miles Bonny è un produttore, musicista, compositore, cantante e DJ americano. I suoi lavori sono fortemente orientati verso generi come il neo soul e l’hip hop, con pesanti influenze jazz, blues ed R&B. Nonostante sia ancora piuttosto giovane (nato nel 1980), ha già all’attivo decine di album, EP e singoli, grazie ai quali è riuscito a crearsi un pubblico abbastanza folto, sia negli Stati Uniti che in Europa. Miles è inoltre noto per alcune sue iniziative alternative, tra le quali la registrazione di un album grazie alla sola energia solare, la possibilità data ai fan di acquistare la musica ad un prezzo a piacere (quindi anche gratis, ovviamente) e la pubblicazione di un album integralmente costituito da remix fatti dai suoi stessi fan.

[soundcloud url=”https://api.soundcloud.com/tracks/170168380″ params=”auto_play=false&hide_related=false&show_comments=true&show_user=true&show_reposts=false&visual=true” width=”100%” height=”450″ iframe=”true” /]

Proprio quest’ultima iniziativa mi ha stimolato molto, e una volta scaricate le tracce vocali mi sono messo al lavoro. “Canal Street” è la traccia che ho scelto, senza pensarci più di tanto: avevo voglia e fretta di produrre qualcosa. Quel giorno avevo ascoltato DJ Shadow, i Madvillain e Tyler The Creator, artisti che non ascolto spessissimo, ma che quel giorno hanno stimolato la mia esigenza di fare musica. Caratterizzai fin da subito il pezzo con un mood che in qualche modo richiamasse le atmosfere tipiche di questi tre artisti. Le tracce vocali di Miles in loop hanno cominciato a trascinarmi. Il groove  volevo fosse predominante, come radici aggrappate alla terra. Le voci sottoposte subito a un delay incessante mi hanno aperto ad un viaggio mentale particolarmente trascinante, così che mi sono ritrovato a campionare “Take 5” di Dave Brubeck e uno splendido solo di Sonny Rollins.

Una volta buttata giù l’idea sono corso in studio da Dario Serafino: sapevo che lui si sarebbe occupato del suono, cercando e aggiungendo quello che mancava. Da subito mi ero immaginato sul pezzo il pianto della sua Telecaster, da buon figlio (musicalmente parlando) di Prince. Il mio desiderio è stato ampiamente esaudito. Buon Ascolto.


Qui potete ascoltare la  “VERSIONE ORIGINALE”

Michele Capasso
assomiki@gmail.com
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.