normani

Normani strabilia col nuovo singolo “Fair”

Fair è il nuovo singolo di Normani, ex membro delle Fifth Harmony e una delle voci femminili più di tendenza della scena R&B internazionale

Fra le recenti uscite r&b che ultimamente mi stanno tenendo compagnia c’è Fair, l’ultimo singolo di Normani. La traccia è una slowtempo in cui la cantante, in una sorta di autoconfessione, racconta la difficoltà di andare avanti dopo la fine di una storia importante, nonostante siano passati ‘200 giorni’ dopo la rottura (“Two hundred days and counting I know, You’re my favorite still” è l’incipit del pezzo). 

La traccia è prodotta da Harv, stesso autore di Peaches di Justin Bieber, e i due pezzi condividono infatti le stesse atmosfere chill e i bassi potenti che esaltano la performance vocale. Il pezzo di Bieber, però, risulta più un divertissement, mentre la traccia di Normani esplora esperienze intime e personali che richiedono un ascolto impegnato.

La cantante, che dopo lo scioglimento delle Fifth Harmony si sta lentamente ritagliando uno spazio nel panorama r&b femminile americano, ha commentato la traccia descrivendola come la musica più vera che abbia prodotto finora. “È stato come abbandonarsi in caduta libera, tanto che all’inizio non riuscivo neanche a riascoltarla”,  ha detto riguardo al processo di produzione del pezzo in una recente intervista con Zane Lowe di Apple Music. Emblematica di questa fragilità è l’immagine della cantante rimasta sola a portare il peso della sua delusione, mentre vede il suo ex cominciare una nuova relazione (“you carry her and all I carry are burdens”).

 

Anche musicalmente il pezzo si allontana dai suoi singoli precedenti, più pop e danzerecci, esplorando con sonorità calde e morbide la fine di una relazione importante. “Con questo pezzo ho voluto mostrarmi più umana e vicina alle esperienze che vivono i miei fan. Anche se vivo letteralmente su un palcoscenico da quando sono piccola, volevo mostrare che c’è una persona con sentimenti reali dietro la celebrity”, ha detto in un’altra intervista concessa a Radio Hot 97.  Qui Normani ha anche parlato del suo difficile rapporto con i social media e il giudizio degli altri. “Pubblico solo post in cui mi sento completamente a mio agio. Da quando ho 4 anni sono abituata ad avere pressioni addosso: prima nel mondo della ginnastica artistica, poi della danza e adesso nel music biz. A questo si aggiunge il fatto che sono una donna afro-americana. Quando acquisisci questo tipo di mentalità è difficile liberartene […] con ‘Fair’ invece mi sono lasciata andare, sono stata completamente me stessa, mostrando un lato più vulnerabile e umano”. 

E non si può non essere d’accordo con lei. Il pezzo, pur non essendo per ora un grande successo commerciale, rappresenta un punto di svolta nella sua carriera da solista, portando il suo status di autrice e interprete a un livello più profondo e personale. Sembrano ufficialmente finiti i tempi delle Fifth Harmony, in cui il controllo artistico sulla sua carriera era tutto in mano ai discografici. Ora Normani non ha paura di mostrarsi al pubblico per quello che è: forse una donna ancora fragile e suscettibile del giudizio altrui, ma certamente più consapevole di sé e con le mani ben salde sul timone della sua carriera da solista.

Simone Boldreghini

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

On Key

Related Posts

Benny Sings "Beat Tape"

Benny Sings “Beat Tape II”

Ogni strumento ha uno spazio preciso, le frequenze rasoiate alla perfezione. Questo è Beat Tape di Benny Sings, nel segno di J Dilla Quando ascolti un disco

Stevie Wonder Music on My Mind

Stevie Wonder – Music Of My Mind

Non è distante da compiere mezzo secolo un altro capolavoro della musica black, Music Of My Mind, una delle pietre miliari della carriera di Stevie

Common – A Beautiful Revolution Pt. 2

Common – A Beautiful Revolution Pt. 2

Common torna con A Beautiful Revolution Pt. 2, secondo, bellissimo capitolo della “saga” iniziata l’anno scorso Ritorna uno dei nostri rapper preferiti, Common! Dopo averci