Meta
Tony Allen and Hugh Masekela - Rejoice - The Italian Soul

Tony Allen & Hugh Masekela – Rejoice

Rejoice è l’album postumo dei mostri sacri Tony Allen e Hugh Masekela, vero e proprio testamento musicale afro-beat.

Concepito nel 2010, ma pubblicato il 20 Marzo di questo 2020, Rejoice è il frutto della collaborazione di due grandi musicisti , Tony Allen e Hugh Masekela. Per chi non li conoscesse, sono due grandi artisti che hanno dato molto all’afrobeat, genere musicale che mischia musica africana, soul, funk e jazz. Nigeriano il primo, storico batterista per il mitico Fela Kuti, sudafricano il secondo, abile nell’unire il jazz con i ritmi africani, un grande virtuoso di cornetta, tromba e flicorno, oltre che essere stato attivo nella lotta contro l’apartheid. Entrambi si sono conosciuti durante gli anni ’70, quando Masekela era in esilio in Africa Occidentale. E purtroppo entrambi ci hanno lasciato da poco, Tony il 30 Aprile di quest’anno, Hugh il 23 Gennaio del 2018. Ci piace ricordarli qui su The Italian Soul con questo loro nuovo lavoro, Rejoice.

 

In otto succulenti brani i due musicisti riescono a conciliare anima afro-beat e anima swing, dando vita a un lavoro omogeneo, quasi quaranta minuti all’insegna del ritmo travolgente. Anche l’incisione è molto curata, sembra di sentire la batteria quasi a un metro di distanza, grazie a una registrazione nitida frutto del lavoro dell’etichetta World Circuit, da sempre attenta alle migliori produzioni world, e dello storico produttore Nick Gold, già con Ali Farka Tourè, Buena Vista Social Club e Orchestra Baobab. Il feeling che nasce tra Tony, Hugh e il resto dei musicisti è anch’esso superlativo,  lo possiamo notare in brani come Agbada Bougou e Never (Lagos Never Gonna Be The Same), in cui con un testo breve ed essenziale la voce di Masekela rimpiange il grande compositore Fela Kuti, affermando che la Nigeria non è più la stessa da quando è deceduto. Tromba, sax e piano elettrico creano ottimi incastri sonori in Slow Bones, mentre testi in inglese, zulu e yoruba si alternano in  Jabulani (Rejoice, Here Comes Tony), che ricorda vagamente il Miles Davis di Tutu. In pezzi come Obama Shuffle Strut Blues e la finale We’ve Landed è difficile stare fermi grazie ai loro groove ipnotici e all’accattivante suono del contrabbasso nella seconda (suonato da Tom Herbert). Importanti in questo disco anche i contributi di musicisti come Joe Armon-Jones degli Ezra Collective alle tastiere e di Steve Williamson al sax.

Afrobeat e spirito bebop riescono in quest’opera ad amalgamarsi perfettamente lasciando liberi entrambi i musicisti di potersi esprimere ognuno coi propri suoni e strumenti, nessuno frena la libertà creativa dell’altro. E’ un lavoro che risulta classico e moderno al tempo stesso, grazie al suo sound capace di riportarci alle radici del funk, del soul e di tutta la black-music, oltre che essere ben saldo con i piedi nel presente, ma senza lasciarsi lusingare da suoni e produzioni più “à la page”. Anche se in passato entrambi hanno prodotto opere migliori, ci piace considerare Rejoice come un loro ottimo testamento artistico, qualcosa che renda ancora vivo in noi il ricordo di due artisti straordinari. Per i neofiti dell’afro-beat questo disco può anche essere un interessante punto di partenza per scoprire l’arte e le discografie di Tony Allen e Hugh Masekela, che vogliamo ringraziare vivamente per averci fatto sognare grazie alla loro musica e al loro grande senso del ritmo. Afro-groove is still alive and will never die!

Francesco Favano

The Italian Soul TEAM
Info@theitaliansoul.com
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.