No Mono - Gli appunti di The Soul Haven - THE ITALIAN SOUL
5988
post-template-default,single,single-post,postid-5988,single-format-standard,qode-listing-1.0.1,qode-social-login-1.0,qode-membership-navigation-over-title,qode-news-1.0,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,overlapping_content,hide_top_bar_on_mobile_header,columns-3,qode-child-theme-ver-0.0.1,qode-theme-ver-13.4,qode-theme-bridge,bridge-child,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive
no mono

No Mono – Gli appunti di The Soul Haven

No Mono è un duo.

Australiano.

Spesso negli appunti di The Soul Haven andiamo a curiosare in territori lontanissimi da noi geograficamente, ma così vicini come mood (così lo chiamano quelli bravi). Questa volta il neo soul arriva da lontano, ed è magico. Tom Snowdon e Tom Iansek (per i più curiosi si chiama Tom anche il manager, da quel che si evince da alcuni indizi sparsi per la rete) propongono qualcosa di insolito e assolutamente estetico all’interno della loro musica. Ad esempio il video per il loro debutto, Butterflies che è questo:

Insomma, questo fascino che il vuoto e i temi spesso affrontati anche da elementi mainstream quali Stranger Things (sì, la serie tv, l’hai già vista?) è qualcosa di intenso. Non c’è un paragone con il mondo reale, quello in cui ciascuno di noi vive, ma No Mono usa paesaggi simili per dipingere l’inconscio, qualche disagio psicologico, perfettamente esorcizzato dalla musica che è il risultato finale del lavoro. Certo, è una proposta oscura (del resto l’anima non può essere solo luce), ma l’idea di girare la parte visuale di un debutto in sequenza unica, con Snowdon come unico protagonista vocale ed emozionale è qualcosa che denota di certo una grande dose di coraggio. Lo stesso che qualche mese dopo ci riserva la nuova traccia di No Mono, Violence Broken.

Dice Tom Iansek a proposito di Violence Broken:

“Ho discusso il tema generale della canzone con Snowdon; l’idea che abbiamo voluto esporre è quella di quando arrivi a un punto cruciale della tua vita, quando realizzi che il modo in cui stai vivendo non ti serve a nulla. Snowdon ha aperto il suo quaderno degli appunti, su cui scrive e annota le idee per i testi, e nella pagina, in mezzo, aveva scritto semplicemente Violence Broken. Da qui è nato il tutto. Il pezzo parla di come possa essere violento il nostro modo di vivere, di come vivi a volte contro la tua natura e il difficile processo che devi attraversare per arrivare in quel posto dove non hai più paura, dove puoi vivere semplicemente essendo te stesso”.

Probabile che questo stato dell’arte sia il frutto per il duo di essere nato e cresciuto nelle zone australiane di Alice Springs, con il nulla attorno, dove lo spazio è la libertà assoluta. No Mono è certo una proposta ricercata, intrisa di neo soul anche là dove l’elettronica è la spina dorsale degli arrangiamenti e delle esplorazioni musicali. Di certo è quella parte del nuovo soul così evocativo da essere magico. I beat glaciali di Iansek sono il terreno più interessante per la voce di Snowdon e No Mono è sicuramente un nome da tenere a portata di radar.

Non dite poi che non lo sapevate.

Fabio Negri
hello@fabionegri.com

Il battesimo con la musica all’età di 6 anni grazie a Fabrizio, il cugino che lo guida in un mondo fino ad allora frequentato, ma in maniera superficiale. Da allora non si è più ripreso. A casa, nello scaffale di mamma, c’era un disco, ‘Pain In My Heart’ di Otis Redding. Che ancora oggi conserva gelosamente. In radio dal 1985, nelle realtà locali, poi a scrivere su riviste musicali e portali internet e alla fine di nuovo in radio. Lavora con la sua passione del digitale e della comunicazione, ma ascolta ancora la musica su vinile. Sempre con lo sguardo su quello che succederà domani, la curiosità innata per le nuove tendenze e la passione di scoprire suoni nuovi e nuovi artisti. E il vizio di voler condividere le scoperte con gli altri.

No Comments

Post A Comment
Or